Sistemi automatici

CST40A

Sistema compatto di separazione solido liquido per il riciclo al 100 per cento dei liquidi refrigeranti da molatura del vetro o della pietra. Il sistema è composto da una centrifuga a scarico automatico modello TORNADO T150A e da un serbatoio idro ciclonico. Dal cono del ciclone il liquido inquinato viene iniettato tramite una pompa nel rotore della centrifuga.

Qui, le particelle in sospensione contenute nel liquido con peso specifico superiore saranno schiacciate, grazie alla “Forza G”, contro la parete del cestello, facendo defluire il liquido purificato. A tempi programmati tramite tastierino sul PLC, la centrifuga effettuerà un arresto per evacuare i fanghi accumulati. Al termine dell’operazione di scarico la centrifuga ricomincerà un nuovo ciclo di accumulo. La macchina è dotata di funzione di avvio e arresto in remoto. Il sistema è composto da una struttura verniciata a polveri che conglomera tutti i componenti con una centrifuga modello T150A a scarico automatico.

Lo spazio richiesto per l’installazione è di mq 6,5.

Clean CNC

Il sistema CLEAN CNC è composto da due serbatoi e una cassa in PVC sopra la quale troviamo una centrifuga modello T6M, e da una spalliera dove sono montati: il quadro elettrico, il micro filtro, le due pompe di funzione ed undici valvole. Sulla vasca è montata la centrifuga che viene alimentata da una pompa posta in un pozzetto sotto al CNC. Dalla centrifuga l’acqua trattata (5 μ) cade nel cassone sottostante. Dal cassone, una parte viene aspirata dalla pompa del CNC e mandata alla mola per il raffreddamento periferico, e una parte, tramite una pompa sommersa viene caricata nel serbatoio 1, che raggiunto il livello, processerà il liquido attraverso il micro filtro fino al raggiungimento della trasparenza (0 μ).

A questo punto l’acqua microfiltrata verrà inviata alla pompa del CNC per refrigerare il mandrino, mentre il serbatoio 2 verrà riempito di acqua di primo filtraggio, che sarà processata nel micro filtro fino al consumo del cassone 1. Il processo di filtraggio per centrifuga va in continuo, mentre il micro filtraggio si susseguirà in maniera alternata tra il serbatoio 1 e 2.

A fine turno di lavoro automaticamente premendo lo stop, si avvierà il contro lavaggio automatico del micro filtro inviando il residuo solido alla centrifuga. Terminata l’operazione di contro lavaggio il sistema si arresterà. Una volta avviato il sistema la prima volta al mattino, ci sarà sempre un serbatoio di acqua microfiltrata disponibile all’utilizzo immediato.

CST75A

Sistema compatto di separazione solido liquido per il riciclo al 100 per cento dei liquidi refrigeranti da molatura del vetro o della pietra. Il sistema è composto da una centrifuga a scarico automatico modello TORNADO T150A e da due serbatoi idro ciclonici. Dal cono del primo ciclone il liquido inquinato viene iniettato tramite una pompa nel rotore della centrifuga. Le particelle in sospensione, contenute nel liquido con peso specifico superiore, saranno schiacciate, grazie alla “Forza G”, contro la parete del cestello, facendo defluire il liquido purificato. Parte del liquido separato dal primo ciclone, travaserà nel secondo per un ulteriore processo, e da qui, una volta purificato, sarà inviato alle macchine operatrici tramite una pompa a controllo elettronico. A tempi programmati tramite tastierino sul PLC, la centrifuga effettuerà un arresto per evacuare i fanghi accumulati. Al termine dell’operazione la centrifuga ricomincerà un nuovo ciclo di accumulo. La centrifuga è dotata di funzione di avvio e arresto in remoto. Il sistema è composto da una struttura verniciata a polveri che conglomera tutti i componenti con una centrifuga modello T150A a scarico automatico.

Lo spazio richiesto per l’installazione è di mq 10,5.

CST50A

Sistema compatto di separazione solido liquido per il riciclo al 100 per cento dei liquidi refrigeranti da molatura del vetro o della pietra. Il sistema è composto da una centrifuga a scarico automatico modello TORNADO T150A e da un serbatoio idro ciclonico. Dal cono del ciclone il liquido inquinato viene iniettato tramite una pompa nel rotore della centrifuga.

Qui, le particelle in sospensione contenute nel liquido con peso specifico superiore saranno schiacciate, grazie alla “Forza G”, contro la parete del cestello, facendo defluire il liquido purificato. A tempi programmati tramite tastierino sul PLC, la centrifuga effettuerà un arresto per evacuare i fanghi accumulati. Al termine dell’operazione di scarico la centrifuga ricomincerà un nuovo ciclo di accumulo. La macchina è dotata di funzione di avvio e arresto in remoto. Il sistema è composto da una struttura verniciata a polveri che conglomera tutti i componenti con una centrifuga modello T150A a scarico automatico.

 

Lo spazio richiesto per l’installazione è di mq 6,5.

Condividi contenuti